Diritti interna

Diritti - Come tutelare i tuoi dati

Doveri interna

Doveri - Come trattare correttamente i dati

Search Form Portlet

ricerca avanzata

g-docweb-display Portlet

Attività giornalistica: diffusione attraverso i mezzi di informazione di un invito a comparire dinanzi all'Autorità giudiziaria penale - 2 luglio ...

 [doc.. web. n. 39256]

Attività giornalistica: invito a comparire dinanzi all´Autorità giudiziaria penale e diffusione a mezzo stampa - 2 luglio 1997

La seguente deliberazione concerne sempre l´esercizio del diritto di cronaca, con particolare riferimento alla diffusione a mezzo stampa della notizia di un invito a comparire dinanzi all´autorità giudiziaria penale, prima che ne abbia conoscenza il diretto interessato.
In tale caso il Garante ha ritenuto che sussista un´evidente violazione delle norme poste a tutela della riservatezza, potendo il diritto di cronaca essere esercitato dopo che il soggetto ha avuto conoscenza, nei modi previsti dalla legge, dell´invito a comparire.

Roma, 2 luglio 1997

IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI

Visto l´esposto tramesso il 17 giugno 1997 dai Dott. Cesare Romiti e Dott. Francesco Paolo Mattioli;

Esaminata la documentazione prodotta

SEGNALA QUANTO SEGUE:

La diffusione attraverso i mezzi di informazione della notizia di un invito a comparire davanti all´Autorità giudiziaria penale nei confronti del Dott. Cesare Romiti e del Dott. Francesco Paolo Mattioli, prima che di tale invito avessero effettiva conoscenza gli interessati, costituisce violazione delle norme a tutela della riservatezza, in particolare dell´art. 9, co.1, lett. a) della legge n. 675 del 1996.

In relazione al concreto svolgimento della vicenda, quale risulta documentata dagli interessati, non si rinvengono elementi giustificativi dell´esercizio del diritto di cronaca, che comunque sarebbe stato possibile esercitare in tempi brevissimi una volta che gli interessati avessero avuto effettiva conoscenza dell´invito a comparire.

Questo è uno dei temi che dovranno essere affrontati dal Codice di deontologia previsto dall´art. 25 della legge sopra citata, e per il quale questa Autorità ha già avviato la procedura prevista.

IL GARANTE