Diritti interna

Diritti - Come tutelare i tuoi dati

Doveri interna

Doveri - Come trattare correttamente i dati

Search Form Portlet

ricerca avanzata

g-docweb-display Portlet

"Privacy 2030": un manifesto per il nostro futuro. Il manifesto del pensiero di Giovanni Buttarelli pubblicato dal Garante italiano insieme a IAPP

SCHEDA
Garante per la protezione dei dati personali
Doc-Web:
9456977
Data:
18/09/20
Tipologia:
Comunicato stampa

  English version

 

"Privacy 2030": un manifesto per il nostro futuro
Il manifesto del pensiero di Giovanni Buttarelli pubblicato dal Garante italiano insieme a IAPP

"Privacy 2030. Una nuova visione per l'Europa" raccoglie le riflessioni e gli appunti di Giovanni Buttarelli, già segretario generale dell'autorità italiana, poi Garante europeo della protezione dei dati, prematuramente scomparso poco più di un anno fa.

Edito in formato elettronico dal Garante e dalla International Association of Privacy Professionals, IAPP, "Privacy 2030" rappresenta allo stesso tempo il testamento spirituale di uno dei pionieri della protezione dei dati personali e un forte richiamo a trasformare un diritto della persona in un diritto delle persone, in grado di fare la differenza nelle sfide sociali, culturali, politiche e ambientali che ci attendono o che si vanno configurando. Buttarelli si chiede, e ci chiede, come rendere possibile un nuovo umanesimo tecnologico e combattere il culto della massimizzazione dei dati.

Con queste sue riflessioni, Buttarelli intendeva soprattutto stimolare un ampio dibattito pubblico che non fosse limitato ai giuristi e alle autorità di protezione dati. Per questo la pubblicazione, che si apre con la prefazione del Garante italiano, si compone di due sezioni distinte: una prima, basata sugli scritti e le riflessioni di Buttarelli, che si conclude con una sorta di "decalogo" per la privacy del nuovo decennio. Una seconda, basata su contributi di studiosi di fama ed esperti internazionali (fra cui Marc Rotenberg, il fondatore dell'Electronic Privacy Information Center, e Shoshana Zuboff, studiosa e autrice di un recente saggio sul "Capitalismo della sorveglianza") i quali partono dal pensiero e dalle proposte di Buttarelli per elaborare un'analisi più ampia sui rischi per libertà e diritti nell'epoca del digitale e sulle soluzioni possibili o auspicabili.

La pubblicazione di "Privacy 2030" sul sito del Garante, in traduzione italiana, testimonia l'attenzione che il Garante ha da sempre dedicato al tema dei diritti e delle nuove tecnologie, qui declinato nell'ottica europea e globale da Buttarelli e secondo una prospettiva di lungo periodo.

È in questa prospettiva che l'Autorità intende lavorare affinché dal "manifesto" di Buttarelli nasca una riflessione approfondita e non episodica, di ampio respiro, che possa servire al nostro Paese per affrontare il futuro che verrà o che probabilmente è già fra noi.

Roma, 18 settembre 2020

 

 

 

_________________________

 

  English version

 

'Privacy 2030': A manifesto for our future
The Italian Garante and IAPP publish the manifesto of Giovanni Buttarelli's thinking

'Privacy 2030. A New Vision for Europe' is a collection of the thinking by Giovanni Buttarelli – formerly secretary general to the Italian SA, subsequently appointed as European data protection supervisor – who passed away prematurely little more than one year ago.

Published as an e-book by the Garante and the International Association of Privacy Professionals – IAPP, 'Privacy 2030' bears testimony to the intellectual legacy of one of data protection pioneers whilst it also calls for turning a right of the individual into a right of all individuals – such as to make the difference in the social, cultural, political and environmental challenges we have before us, or which are already taking shape. Buttarelli wonders and has us wondering how to make a new technological humanism possible and counter the data maximization religion.

Through his inputs, Buttarelli intended mainly to spark a wide-ranging public discussion that would not be limited to legal scholars and data protection authorities. This is why the e-book, which is prefaced by the Italian Garante, includes two separate sections. The first one is based on Buttarelli's writings and thinking and is concluded by a sort of 'decalogue' for the next-decade privacy. The second one is based on the contributions authored by leading experts and scholars of international renown including Marc Rotenberg – the founder of EPIC, Electronic Privacy Information Center – and Shoshana Zuboff – a scholar as well as the author of a recent book on 'Surveillance Capitalism'. They start from Buttarelli's thinking and proposals to build up a broader analysis of the risks to freedoms and rights in the digital age as well as of possible or desirable solutions.

The publication of an Italian translation of 'Privacy 2030' on the Italian Garante's website is proof of the attention the Garante has paid unrelentingly to the relationship between rights and new technologies, which is addressed in this case from Buttarelli's European and global perspective and in a long-term dimension.

And it is in this dimension that the Italian Garante is placing itself so as to turn Buttarelli's 'manifesto' into an opportunity for developing in-depth, structured, broad-ranging analyses that can help our country in tackling the future which is coming- or which is likely to be already here.

Rome, 18 September 2020